venerdì 9 novembre 2012

Maratonina di San Martino ( a nuoto ?)

Le previsioni per domenica sono assolutamente scoraggianti (per i più :-P ). Ripeto, a me la pioggia non da particolarmente fastidio, anzi.. Semmai sarò parecchio infastidito dalla temperatura troppo mite (15° - 16°) che, in concomitanza ad un elevato tasso di umidità, renderà il clima piuttosto afoso. Soffrò il caldo più di ogni altro fattore climatico avverso, e la prestazione di domenica passerà essenzialmente da qui.
Per il resto le sensazioni, dopo una settimana di super carico (voluminoso potenziamento in palestra e due progressivi impegnativi) e qualche giorno di oggettiva stanchezza sono tornate ad essere positive.
Ho scaricato quasi totalmente per 3 giorni, inserendo un solo allenamento in bicicletta seguito da alcuni esercizi di tecnica di corsa e qualche progressione "briosa".
Stamattina, per non rimanere troppi giorni fermo, ho sostenuto una corsetta di 50' correndo alcuni chilometri al ritmo del fondo lento e concludendo con delle progressioni finali per dare la giusta brillantezza al gesto atletico.
Indicazioni molto incoraggianti da quest'ultimo step, nel quale a 400 metri in progressione molto controllata facevo seguire un breve recupero attivo di un centinaio di metri (nel quale effettuavo anche esercizi di rapidità). Ero convinto di correre a 3'35''/3'40'' invece giravo a 3'20'' senza rendermene assolutamente conto.
Lo scarico fa miracoli!
Correre a ritmi elevati senza percepire la velocità è sicuramente un buon segnale ma lascia un pò delusa qualla parte di me che immaginava che le sensazioni dei primi fossero quelle di andar fortissimo per chilometri e chilometri senza percepire la fatica. Mi convinco sempre di più che man mano che si migliora si percepiscono ritmi un tempo elevati come via via più lenti. Insomma, i keniani che corrono per 42km a 20km/h, non vivono l'esperienza pazzesca che percepisce il corridore della domenica quando corre per 200-300 metri a quel ritmo e immagina il protrarsi di un'azione simile per 2 ore! A loro sembrerà di far "corsetta"
Domenica si parte con i migliori propositi, l'idea è un passaggio sotto i 40' ai 10km, poi se salterò salterò. Dopo il pb di Ferrara meglio una mezza di rimorsi che di rimpianti!

6 commenti:

  1. Non pensarci troppo, prendila come viene. In ogni caso dipenderà da come ti senti la mattina stessa della gara. Buon divertimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sacrosanta verità, tanti calcoli poi arrivi li e dopo 3km a 4'/km sei già in soglia senza capacitarti di come sia possibile. Poi vista la mia "regolarità" c'è da aspettarsi di tutto. Vado li per provare a dare il massimo ;-). In o out:-)

      Elimina
  2. passa sopra i 40!!!e poi va in progressione
    non credo molto ai miracoli
    deve esserci sempre un piano ragionato
    ma se te la senti provaci.....
    auguri and all the best!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considera Andrea il passaggio a Ferrara 40'07'' in tutta tranquillità, se qui l'idea è di osare.. Mi viene difficile andare in progressione, una volta impostato un ritmo regolare per 15km, anche aumentare di 5''/km o 10''/km diventa difficoltoso. Insomma condotta regolare poco sotto i 4' poi quel che sarà sarà. Intanto questa mattina mi sono svegliato con un dolore di schiena da ottantenne!?

      Elimina
  3. Paese è un percorso veloce, peccato ci sia un tratto di sterrato che con la pioggia immagino non sarà bellissimo.
    Comunque il periodo e la forma sono buoni. Io terrei come riferimento l'ultima mezza fatta e cercherei di correre un po' sotto a quella gara li.
    Per quel che riguarda i top runners, è evidente che corrono ad un ritmo che riescono a mantenere per lungo tempo, altrimenti non riuscirebbero a correrci una maratona. Per loro però correre 1 o 2 secondi più veloci al km diventa una differenza molto più alta di quanto la possiamo percepire noi che corriamo sopra ai 4'/km

    RispondiElimina
  4. In ogni caso... in bocca al lupo :)

    RispondiElimina